Italiano



Cosa lo strato delle liane?

Nelle foreste pluviali la maggior parte delle piante e degli animali non si trova all'altezza del suolo ma nel mondo delle foglie meglio conosciuto come lo strato delle liane. Lo strato delle liane, che si deve trovare al di sopra dei 30 metri dal suolo, composto dall'intreccio di rami e foglie degli alberi. Gli Scienziati stimano che il 70-90% della vita nelle foreste pluviali fondato sugli alberi rendendo questo il pi ricco ambiente per piante e specie animali. La maggior parte dei pi noti animali incluse le scimmie, le rane, le lucertole, gli uccelli , i serpenti,i bradipi, ed i piccoli felini si trovano nello strato delle liane.

Lo sviluppo dello strato delle liane davvero differente dallo sviluppo del suolo della foresta. Durante il giorno, lo strato delle liane pi secco e caldo rispetto alle altre parti della foresta e le piante e gli animali che vi vivono sono prettamente adatti alla vita sugli alberi. Per esempio, poich l'abbondanza di foglie nello strato delle liane pu rendere difficile vedere oltre pochi metri, molti animali si affidano ai richiami vocali o ai canti per comunicare. Le fenditure tra gli alberi stanno a significare che certi animali dello strato delle liane , volano, planano o saltano per muoversi tra le cime degli alberi.

Gli scienziati sono stati per lungo tempo interessati allo studio dello strato delle liane ma, a causa dell'altezza degli alberi della foresta pluviale le ricerche sono state sin ora difficili. Oggi ci sono una serie di attrezzature che facilitano il lavoro degli scienziati nello scoprire i segreti della foresta, come ponti di funi , scale estensibili e torri di avvistamento. Lo strato delle liane appena uno dei vari livelli verticali della foresta pluviale. Dando un occhiata al diagramma alla vostra sinistra potrete individuare gli altri livelli (the overstory, understory, shrumb layer, and forest floor).




Scritto da Rhett A. Butler. Tradotto da Gioia Gange, Zoe Magazine




Italiano | Circa il Web site | Fotos | Inglese | PDF

©2008 Rhett Butler